091303417Lun-Ven 10.00/18.00    

MARCIA PER SALVARE SCOPELLO

MARCIAMO INSIEME PER SALVARE SCOPELLO DA UN PIANO REGOLATORE DEVASTANTE

Marcia per salvare Scopello 26 Ottobre 2003

 

MARCIAMO INSIEME PER SALVARE SCOPELLO DA UN PIANO REGOLATORE DEVASTANTE

Domenica 26 ottobre 2003
Partenza alle 10:00 da Guidaloca

Il FORUM AMBIENTE CASTELLAMMARE organizza una marcia dalla spiaggia di Guidaloca fino alla Tonnara di Scopello per manifestare con forza la sua opposizione al nuovo Piano Regolatore del Comune di Castellammare. Per i dettagli vedi il sito del WWF Sicilia.

Ventitré anni fa la marcia per lo Zingaro salvava dalla speculazione cinque chilometri di costa tra i più belli del Mediterraneo, dando vita alla prima riserva naturale della Sicilia.

Adesso luoghi altrettanto rilevanti e belli, come la zona termale di Se gesta, l'antico borgo di Scopello e tutta la fascia costiera tra Castellammare e lo Zingaro, rischiano di essere seppelliti dal cemento se le previsioni del Piano Regolatore Generale di Castellammare dovessero realizzarsi.

 

Un forte appello è stato lanciato alle associazioni, alle forze politiche e sindacali, al mondo della cultura, alla scuola, all'università, ai singoli cittadini sensibili ai problemi dell'ambiente perché si uniscano alla campagna per salvare Scopello, organizzando una marcia domenica 26 ottobre 2003 hanno aderito al Forum:

WWF, Circolo Metropolis C.mare, Legambiente, Italia Nostra, LIPU, INU Sicilia, Ass. Emily, Ass. Mezzocielo, Verdi P.R.C. fed. TP, Primavera Siciliana, Ass. Anno Zero C.mare, Rangers Italia, CAI, Greenpeace, LAV, Gona per la terra, FAI Sicilia, Movimento Non Violento, Mirto Verde, CGIL Medici, DS - Sinistra Ecologista, Attac Sicilia, SiciliAntica , Fondazione Salvare Palermo Onlus, Ass. Cult. "G. Impastato" Cinisi, FLAI CGIL, FAI CISL, UILA UIL T, CGIL TP.

La MARCIA vuole imprimere una svolta all'idea di sviluppo finora perseguita nella nostra isola: se distruggiamo il paesaggio e le coste come possiamo sperare di incrementare il turismo? Il turismo di massa certamente si rivolgerà  verso località  che possono praticare prezzi modici (i vacanzifici) e noi avremmo distrutto l'unica risorsa che abbiamo: la nostra identià.

 

Altre proposte